MILAN FASHION WEEK: Frankie Morello, Byblos and Angelo Marani F/W 2014-15

1 FRANKIE MORELLO

After showing some outfits and Dsquared2 fashion show it’s time to proceed with the shows starting right from those of the first day of Milan Fashion Week. Let’s start with Frankie Morello whose garments reflect this restless soul and the journey in a combination of contrasting fabrics and colors that constantly seek balance. Clothes feature prints that narrate this journey and seem to evoke china ink sketches from a hypothetical secret diary with faces, mouths, eyes and flowers. Colors are in contrast: powder pink and dusty blue are paired up with black, midnight blue and gray; while the most usual fabrics of choice are matelassé silk, organza, and also crepe de chine. Season after season, Maurizio Modica and Pierfrancesco Gigliotti amaze me more and more and I can say that I have already fallen in love with a some pieces of this collection!

Dopo avervi mostrato già alcuni outfit e parlato della sfilata di Dsquared2 è il momento di procedere con gli show partendo proprio da quelli del primo giorno di Milan Fashion Week. Iniziamo con Frankie Morello i cui capi diventano specchio di un’anima inquieta e del suo viaggio, in un mix di tessuti e colori contrastanti tra loro nell’affannosa ricerca di equilibrio. I capi si tingono di stampe, che raccontano questo cammino, e sembrano voler richiamare gli schizzi a china di un ipotetico diario segreto dove vengono tratteggiati volti, bocche, occhi e fiori. I colori sono in contrasto tra loro: cipria e celeste polvere insieme a nero, blu scuro e grigio; mentre i materiali più ricorrenti sono il matelassé di seta e l’organze. Stagione dopo stagione Maurizio Modica e Pierfrancesco Gigliotti riescono a stupirmi sempre di più e non posso nascondervi che mi sono già innamorata di alcuni pezzi di questa collezione!

6 7 8 9 10 11 17 19 25 28 31BYBLOS MILANO

A glacial, ethereal, icy woman with her skin tattooed with satellite views of Earth, meets Marie Antoniette and genetically transforms into a sublimation with the DNA of both: this is the origin of the cyborg queen by Byblos Milano. This lady is a fascinating meltin pot: a futuristic Marie Antoniette who plays with waistline proportions and that she has fun with hexagonal motifs printed on jackets and dresses. The fashion house’s rock ‘n’ roll soul blends with nature and develops in bold, strong graphic forms where images materialise in cosmic-look ribcages. Doesn’t it seem incredible to see these ideas implemented? Prints and especially the effects on the various materials are amazing in real life, thumbs up for Byblos!

Una donna glaciale, eterea e siderale con la pelle tatuata da visioni satellitari della terra incontra Maria Antonietta e muta geneticamente in una sublimazione che contiene il DNA di entrambe: proprio da qui nasce la cyborg queen firmata Byblos Milano. Questa donna speciale è un’affascinante melting pot: una Maria Antonietta in chiave futurista che gioca con le proporzioni del punto vita e si diverte con motivi esagonali stampati su giacche ed abiti. L’anima rock della maison si incontra con la natura e si evolve in forme grafiche decise e forti, dove le immagini si materializzano in gabbie toraciche dall’aspetto siderale. Ma non vi sembra incredibile vedere realizzate queste idee? Le stampe e soprattutto gli effetti sui vari materiali sono davvero incredibili visti dal vivo, thumbs up for Byblos!

Byblos-002_20140220124705 Byblos-003_20140220124705 Byblos-009_20140220124723 Byblos-012_20140220124652 Byblos-013_20140220124652 Byblos-016_20140220124744 Byblos-023_20140220124713 Byblos-028_20140220124712 Byblos-030_20140220124713 Byblos-034_20140220124810 Byblos-037_20140220124813 Byblos-041_20140220124848ANGELO MARANI

Last but not least there is Angelo Marani whose collection for next autumn/winter 2014-15 is navigating through the movements of the end of ‘800 and ‘900 as the Internet, each click corresponds to the hall of a museum. The historical iconography is always assigned to the experimental and the painted surfaces of the heads have the soul and the fabric of technology. This game of “dual” is emphasized by the structures of garments: twin effects thanks to an ingenious study of zip and in this way each piece is convertible into others more and more original. The geometries with games with right angles, the fringes and the French landscapes that bloom on the body are just some of the elements that are able to make special this collection that knows how to bring out the characteristics of each woman.

Last but not least c’è Angelo Marani la cui collezione per il prossimo autunno/inverno 2014-15 naviga tra i movimenti di fine ‘800 e inizio ‘900 come in internet, ogni click corrisponde alla sala di un museo. L’iconografia storica è sempre abbinata alla sperimentazione e le superfici pittoriche dei capi hanno l’anima e la stoffa della tecnologia. Questo gioco del “duplice” è sottolineato dalle strutture dei capi: doppi grazie ad un ingegnoso studio di zip ed in questo modo ogni pezzo è trasformabile in altri sempre più originali. Le geometrie con giochi di angoli retti, le frange ed i paesaggi dell’impressionismo francese che fioriscono sul corpo sono solo alcuni degli elementi che sono in grado di rendere speciale questa collezione che sa come esaltare le caratteristiche di ogni donna.

04_MNT_1640 06_MNT_1678 07_MNT_1689 11_MNT_1753 15_MNT_1821 18_MNT_1865 21_MNT_1921 23_MNT_1953 25_MNT_1983 26_MNT_2000 29_MNT_2070 31_MNT_2104

2 responses

  1. Di Frankie Morello gli abiti su sfondo rosa, di Byblos mi piace tutto e di Angelo Marani quelli lunghi a fiori (gli ultimi) 😀

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: